Come superare la paura di restare single per sempre

Se siete single da parecchio tempo, probabilmente vi siete già imbattuti nei classici cliché e pregiudizi che accompagnano questo status. Come evitare di venirne influenzati? Come superare la paura di essere condannati a restare single per sempre? Andiamo a vedere qualche trucchetto che può aiutarvi ad ignorare le critiche e a sconfiggere la paura.
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
paura di restare single

Resterò solo per sempre!
Se anche voi avete pensato a questa eventualità almeno una volta, c’è la possibilità che vi ritroviate in una di queste due situazioni:

  1. Siete deformi, brutti, cattivi, tristi, non sapete come amare, non sapete fare nulla, vi divertite a fare del male a tutti quelli che vi circondano, insomma, siete dei mostri e nessuno ha mai voluto dimostrare il minimo affetto nei vostri confronti; tutti vi evitano, tranne nei casi in cui vi lanciano pomodori marci quando vi vedono camminare per strada.
  2. Siete delle persone normali che sono state influenzate dai pregiudizi di una società che vorrebbe vederci tutti sistemati a trent’anni –anche prima.

Avete colto del sarcasmo nella descrizione della prima situazione? Spero proprio di sì, perché ce n’era parecchio.
L’opzione giusta è quindi la seconda; in televisione, al mare, su internet, non fate altro che vedere coppie perfette che si amano in maniera perfetta e non hanno alcun tipo di problema, cosa che, logicamente, vi fa venire voglia di non essere più single.

Magari ci si mette anche il parente di turno che, alle inevitabili riunioni di famiglia, esordisce sempre chiedendoti del fidanzatino o della fidanzatina; suddetto parente avrà però più di cinquant’anni e, essendo figlio d’altri tempi, probabilmente si è sposato a diciassette. Questa generale ansia e fretta di avere al più presto possibile qualcuno al proprio fianco è dannosa, poiché spesso porta ad intraprendere relazioni delle quali poi ci si pente, relazioni nelle quali si è infelici e che spesso non si riesce comunque a troncare. È necessario, perciò, prendersi il proprio tempo quando si tratta di scegliere una persona con la quale costruire un futuro che sia effettivamente perfetto.

Per fare ciò, è indispensabile avere una mentalità che ci possa aiutare ad ignorare i molteplici modi nei quali la società ci fa sentire “non abbastanza” quando non siamo in una relazione.

Smetti di criticarti

Se sei single, non è colpa tua e, soprattutto, essere single in generale non è una colpa. Non è perché sei basso, perché sei vecchio, perché sei brutto; quando ti trovi in uno stato d’animo simile, non sei esattamente il miglior giudice di te stesso e tendi perciò a criticarti e demoralizzarti costantemente. Che tu creda o meno in queste cose, fidati: pensieri positivi attirano situazioni positive. Ci sono moltissime persone dall’aspetto e dalle capacità mediocri che vengono idolatrate perché sanno vendersi; tu potresti fare esattamente la stessa cosa.

Il segreto, però, è sempre lo stesso: devi imparare a farlo per te stesso. Non devi dimostrare niente a nessuno, non devi porti l’obiettivo di attrarre a te la gente; devi convincerti di essere abbastanza, di essere una brava persona, di meritare l’amore degli altri e, prima di tutto, quello di te stesso.

Sii consapevole di avere qualcosa da offrire agli altri

Una volta che hai imparato a stare bene con te stesso, è il momento di mostrare agli altri quanto vali. Concentrati sulle tue qualità positive, su ciò che ti piace fare, sulle tue idee e su quello che ti caratterizza. Questo ti aiuterà a non pensare esclusivamente a come vorresti che sia la tua relazione ideale, ma anche a come potresti contribuire tu stesso a renderla tale.

Sviluppando le tue capacità, inoltre, inevitabilmente incontrerai sul tuo cammino altre persone che condividono i tuoi interessi o, ancora meglio, altre persone che vogliono imparare da te o dalle quali puoi imparare. Ricordati che il detto “gli opposti si attraggono”, a volte, si dimostra essere vero.

Dimenticati dei pregiudizi verso il genere da cui sei attratto

Ti sei concentrato su te stesso, sei un po’ più tranquillo e consapevole di valere molto, perciò frasi come “sei single, quindi devi essere automaticamente disperato” non ti toccano più. È quindi il momento di concentrarsi sui pregiudizi rivolti verso le altre persone; imparare ad amare se stessi non prevede mai, e sottolineo mai, svalutare gli altri. È meglio vincere una gara allenandosi e sviluppando le proprie capacità atletiche, piuttosto che facendo lo sgambetto agli avversari; allo stesso modo, pensieri come “sono single sono perché sono superiore a tutti” non ti aiuteranno minimamente e, se lo faranno, sarà solo un’illusione che svanirà a breve, lasciandoti con pensieri peggiori di quelli con i quali sei partito.

iphone-single Come superare la paura di restare single per sempre

Dunque, se ti attraggono le donne, non pensare che siano tutte superficiali o che vogliano solo i tuoi soldi; se ti attraggono gli uomini, non pensare che siano tutti in cerca di sesso o che tutti temano le relazioni; in generale, non pensare che tutti i candidati migliori siano già stati presi, e così via.

Ogni individuo è unico nel suo genere e, su più di 7 miliardi di persone, ci sarà sicuramente qualcuno che rispecchia quello che vorresti in una relazione; non lo troverai mai, però, se continuerai a mettere le mani avanti e a nasconderti dietro questi pregiudizi.

Concentrati su quello che hai

Organizza incontri con la famiglia, esci con gli amici, fatti coinvolgere nelle loro attività. Goditi la vita senza pensare costantemente a come potresti incontrare la tua anima gemella; il tuo obiettivo non dev’essere questo, bensì quello di vivere in maniera tranquilla imparando ad apprezzare te stesso e quello che hai intorno. Questo ti porterà ad essere inconsciamente selettivo, quando verrà il momento in cui incontrerai un potenziale partner.

Il “te” del passato si butterebbe in qualsiasi relazione pur di non restare solo, ma il “te” del presente sa quanto vale, ama la sua vita e vuole al suo fianco qualcuno che possa apprezzare te, quello che fai e rispettarti così come sei.

Non vergognarti di chiedere aiuto

Imparare ad amare se stessi è più facile a dirsi che a farsi; se non riesci a cambiare idea su te stesso e sulla tua situazione, perciò, non vergognarti di chiedere aiuto. Farlo non ti renderà debole, anzi; riconoscere di aver bisogno di una mano nei momenti di difficoltà è indice di una mentalità sana, quindi sei già sulla buona strada.

Puoi rivolgerti ad uno psicologo, che ti aiuterà a capire quello di cui hai bisogno e come ottenerlo e a spronarti nei momenti in cui ti sembra che i brutti pensieri stiano avendo la meglio. Non dimenticate che, per quanto brutta possa sembrarvi la vostra situazione, c’è sempre una soluzione. Non siete i primi ad avere questo tipo di problemi e non sarete gli ultimi; migliaia di persone ogni giorno cominciano un percorso personale per raggiungere un obiettivo diverso, perché voi dovreste essere da meno?
Prima di lasciarvi alla vostra crescita personale, però, voglio ricordarvi un altro paio di cose. La prima è che, più spesso di quanto non sia necessario, le persone parlano per frasi fatte, ripetendo quello che sentono in giro senza appurare che sia effettivamente un pensiero valido. La seconda è che, mentre siete single ed imparate ad amare voi stessi in attesa della vostra migliore relazione… nessuno vi vieta di amare occasionalmente. A buon intenditor…

Hai tante curiosità sull'argomento?

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter

Articoli correlati