Le basi del “sexting” e dei “nudes”

“Nudes” è il termine più popolare utilizzato per descrivere le foto di nudo che, generalmente, ci si scambia in chat, spesso accompagnati al “sexting”, ovvero la descrizione di atti sessuali che avviene sempre tramite chat. Non avete mai fatto sexting né mandato nudes e cercate qualche consiglio per evitare di commettere qualche passo falso? Siete nel posto giusto.
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
sexting

I più giovani saranno familiari con questi termini, mentre chi ha qualche anno in più, forse, non li ha mai neppure sentiti.
Eppure, anche in televisione, si parla sempre più spesso delle nuove forme di erotismo nate dai social network e indirizzate agli stessi; come abbiamo già constatato in altri articoli, infatti, sembra che l’essere umano cerchi di fare del porno con ogni nuova scoperta o invenzione – non che ci sia niente di male in questo.

Che vi troviate su Facebook, su siti d’incontri o su applicazioni dedicate proprio a queste attività, in realtà, non ha molta importanza; nel momento in cui avete la possibilità di scrivere e di mandare foto, siete pronti per lanciarvi in queste avventure da una notte e via… ma online; ottime quindi per evitare le malattie sessualmente trasmissibili, tanto per dirne una.

Il primo consiglio che vi do riguardo questo argomento, però, è quello di controllare le linee guida del sito in cui vi trovate. Su Facebook, ad esempio, è vietato far circolare foto di nudo; capirete bene, perciò, che mandando foto delle vostre grazie a qualcuno può essere pericoloso per il vostro account che, automaticamente, potrebbe venire bloccato.
Se non volete iscrivervi a siti particolari per provare il sexting e per mandare i vostri nudes, però, vi basta Whatsapp o, se non volete far conoscere il vostro numero, Telegram. Quest’ultimo è molto gettonato, in quanto è facile registrarsi restando totalmente anonimi e per la facilità con la quale si possono creare e cercare gruppi nei quali svolgere questo tipo di attività. Credetemi, non dovrete cercare a lungo. Una volta trovata la chat che fa per voi, sia essa con uno sconosciuto o con qualcuno di cui vi fidate, tenete bene a mente il prossimo consiglio che sto per darvi. Saprete già che l’internet è molto lontano dall’essere il posto più sicuro del mondo, specialmente per quanto riguarda la vostra privacy. Non importa quindi che stiate chattando con l’amore della vostra vita o con un tipo molto eccitato che avete appena conosciuto; quando mandate nudes, censurate i vostri volti. È fastidioso ed è triste che ci sia bisogno di farlo, è vero, magari rallenta anche il ritmo dei messaggi, ma non è qualcosa da prendere alla leggera, specialmente dal momento che in Italia non esistono leggi che regolano il cosiddetto revenge porn – che, però, sarà un argomento che tratteremo in maniera approfondita in un altro articolo.

Avete preso le dovute precauzioni? Ottimo! Il prossimo passo è quello di scoprire cosa vi fa eccitare. Preferite immaginare quello che il vostro partner vi sta scrivendo, o preferite guardare i suoi nudes? C’è un momento in cui vi sentite particolarmente a disagio, o riuscite ad essere disinibiti fino alla fine? Ricordatevi che non ci sono regole precise per questo tipo di attività, specialmente se effettuata con diversi partner. Alcuni potrebbero essere bravi con il sexting, altri potrebbero andare troppo velocemente dritti al punto (e, in questo caso, ringrazierete che si tratti solo di sexting), altri ancora potrebbero essere troppo prolissi e descrivere una scena di sesso degna di un pessimo romanzo pornografico. Scrivete quello che vi eccita in quel momento e mandate solo le foto che vi sentite di mandare.

sexting1 Le basi del “sexting” e dei “nudes”

A tal proposito, ricordate di fare solo quello che volete fare voi. Richiedere un determinato tipo di foto, magari in una determinata posa, fa ovviamente parte del divertimento; se, però, non avete voglia di soddisfare una richiesta del partner perché cominciate a sentirvi a disagio o perché non vi piace quella parte del proprio corpo, non abbiate paura di rifiutare. Il sexting, come il sesso, è piacevole solo quando tutte le persone coinvolte si stanno divertendo; se il vostro partner s’indispettisce al vostro rifiuto, la soluzione è semplice: cambiate partner. Vi assicuro che non sarà difficile trovarne un altro in poco tempo.

Evita di usare le emoji e di fare troppi errori di grammatica. Non esiste emoji che non rovini l’atmosfera, quando si parla di sesso; inoltre, è molto più difficile prendere sul serio qualcuno che usa abbreviazioni mentre scrive in chat. Dal momento che le vostre mani saranno presumibilmente occupate, però, ricordatevi che potreste anche provare ad utilizzare il microfono per mandare messaggi vocali o, se siete particolarmente audaci, per chiamare direttamente il vostro partner – sempre in maniera anonima. Infine, tenete a mente che l’orgasmo è sicuramente piacevole, ma non dev’essere per forza lo scopo finale. Il sexting e l’invio di nudes possono essere un passatempo creativo e piccante, un anticipo per tenere il partner sulle spine o un metodo per tenere attiva l’attenzione dei vostri compagni anche quando non si può essere fisicamente insieme a loro.

Molte persone provano gratificazione semplicemente nel ricevere o nell’inviare i messaggi. Non sentitevi bizzarri se non riuscite a venire con il sexting; l’importante è che vi siate divertiti e che abbiate provato sensazioni piacevoli.

Inoltre, le chat e le foto resteranno a vostra disposizione finché lo desiderate; ricordatevi quindi di conservare le migliori, poiché sarà come avere un romanzo Harmony fatto su misura, che potrete leggere e rileggere quando sarete dell’umore giusto…

Hai tante curiosità sull'argomento?

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter

Articoli correlati